L’inchiesta “Fondi rubati all’agricoltura” vince la quarta edizione del Premio Roberto Morrione

L’inchiesta “Fondi rubati all’agricoltura” vince la quarta edizione del Premio Roberto Morrione

E’ l’inchiesta “Fondi rubati all’agricoltura” di Diego Gandolfo e Alessandro di Nunzio a vincere la quarta edizione del Premio Roberto Morrione dedicato ai giovani giornalisti under 31.

La motivazione della giuria, presieduta da Marcella Sansoni, è stata la seguente: “Ciascuna delle tre inchieste ha portato elementi di novità e creatività come “Bestiario Criminale” di Eva Alberti, Susanna Combusti, Silvia Ricciardi, Federico Thoman dedicata al traffico illecito di flora e fauna; oppure di forte impegno civile come nel caso di “Obiezione Vostro Onore” di Federica Delogu, Filippo Poltronieri, Claudia Torrisi, Sebastian Viskanic dedicato allo scandalo della non applicazione della legge 194 sulla interruzione volontaria di gravidanza. Ma solo una è arrivata prima e con un buon margine di preferenze all’interno della giuria ed è “Fondi Rubati all’agricoltura“ di Diego Gandolfo e Alessandro di Nunzio. Inchiesta di ottima fattura, precisa cifra narrativa e notevole interesse sociale che racconta come, grazie a contratti fantasma e minacce, una notevole quantità di terreni in Sicilia venga sottratta agli agricoltori che ne sono i legittimi proprietari per sfruttare in modo fraudolento i finanziamenti europei.“

Durante le giornate del Giornalismo di Riccione l’Associazione Amici di Roberto Morrione, promotrice dell’omonimo premio, ha curato la proiezione delle tre video-inchieste finaliste, scelte lo scorso dicembre tra 56 progetti presentati al bando della quarta edizione, e il dibattito sulla lezione televisiva di Roberto Morrione con Walter Veltroni e Beppe Giulietti intervistati da Stefano Lamorgese.

I tre progetti hanno ricevuto all’avvio delle inchieste un contributo di 3.000 euro utilizzato nello sviluppo e nella produzione del lavoro. Al vincitore è stato assegnato oggi un ulteriore riconoscimento in denaro di 3.000 euro, mentre alle altre due inchieste un contributo di 1.500 euro ciascuna.

Oltre alle risorse finanziarie, il premio ha fornito agli autori il tutoraggio di professionisti di testate giornalistiche televisive nazionali: per questa edizione Sabrina Giannini di Report per l’inchiesta “Fondi rubati all’agricoltura”, Anna Migotto di Terra! Rete4 per l’inchiesta “Bestiario Criminale” e Fausto Pellegrini di Rainews24 per l’inchiesta “Obiezione vostro onore”. Il tutoraggio tecnico video e audio è stato curato da Francesco Cavalli, mentre l’avvocato Giulio Vasaturo ha garantito la consulenza legale.

Rainews24, dopo aver visionato i lavori finali, ha programmato la loro messa in onda in prima serata ad ottobre. L’inchiesta vincitrice verrà inoltre presentata e proiettata sabato 3 ottobre alle ore 11 al Festival di Internazionale a Ferrara.

Il premio ha ricevuto il Patrocinio della Presidenza della Camera dei deputati ed è promosso da Direzione Generale della Rai, Assemblea Legislativa Emilia Romagna, Rainews24, Dallah Albaraka, FNSI, Usigrai, Misteriditalia.it e realizzato in collaborazione con RaiTeche, Articolo 21, Kogoi Edizioni, Il Journal, Report, Scuola di giornalismo Lelio Basso, Tavola della Pace, Liberainformazione.org, Premio Città di Sasso Marconi, UCSI, Gruppo dello Zuccherificio, I Siciliani. Sono media partner: Rainews24, Internazionale, Rai Radio 3.

MAGGIORI INFORMAZIONI SUL PREMIO E SULL’ASSOCIAZIONE AMICI DI ROBERTO MORRIONE

Il premio Morrione, promosso dall’Associazione Amici di Roberto Morrione, si rivolge a giovani giornalisti, free-lance, studenti e volontari dell’informazione che non abbiano superato i 31 anni di età al momento della presentazione della candidatura e ha l’obiettivo di promuovere, sostenere e incentivare il giornalismo di inchiesta su temi di cronaca nazionale e internazionale rilevanti per la vita politica, sociale e culturale del nostro Paese.

Giunto alla quarta edizione, il Premio Roberto Morrione nasce dalla volontà di parenti, amici e colleghi di Roberto di tenere viva la memoria, ma soprattutto l’esempio professionale di Roberto Morrione, giornalista Rai per oltre 40 anni.

L’associazione Amici di Roberto Morrione si propone di organizzare iniziative culturali, campagne informative, incontri di approfondimento e di sensibilizzazione sui temi dell’informazione, del giornalismo d’inchiesta, del reportage, del giornalismo televisivo e dei new media. Intende implementare e promuovere l’impegno per l’inchiesta televisiva sui temi sociali, per un’informazione che aiuti a comprendere la complessità degli eventi e dei mondi che ci circondano, capace di guardare in profondità e di riflettere su di essi. Tutto questo in omaggio a Roberto Morrione, che ha svolto la sua professione di giornalista con impegno e senso etico esemplari.

Sono soci fondatori dell’Associazione Amici di Roberto Morrione: Paolo Aleotti, Piero Badaloni, Francesca Barzini, Barbara Bastianelli, Giuliano Berretta, Francesco Cavalli, Giovanni Celsi, Enzo Chiarullo, Daniela De Robert, Mara Filippi Morrione, Flavio Fusi, Lorenzo Frigerio, Alessandro Gaeta, Beppe Giulietti, Udo Gumpel, Stefano Lamorgese, Elisa Marincola, Flaviano Masella, Giacomo Mazzone, Roberto Natale, Fausto Pellegrini, Sandro Provvisionato, Sigfrido Ranucci, Nino Rizzo Nervo, Paolo Ruffini, Mario Sanna, Marcella Sansoni, Barbara Scaramucci, Maurizio Torrealta, Giulio Vasaturo, Vincenzo Vita, Giorgio Zanchini.

Per contatti stampa:

Alessandra Tarquini 3479117177 alessandratarquini@gmail.com

Per info:

www.premiorobertomorrione.it

There is 1 comment for this article
  1. Carlo at 13:01

    Le inchieste/denunce effettuate dai nostri giovani, dovrebbero essere di esempio a quei “personaggi” che malvivono la loro esistenza facendo pagare ai nostri figli, i loro “errori”.
    Sono convinto che i nostri ragazzi con il loro lavoro daranno esempio di onestà e di competenza al fine di rendere il nostro “paese” più vivibile e rispettoso delle leggi.