© Foto di Roberto Brancolini

Il premio che porta il nome di Roberto Morrione è un premio dedicato ai giovani autori e al giornalismo di inchiesta televisivo. Roberto Morrione ha attraversato più di quaranta anni della storia del servizio pubblico, la Rai. Dal 1962, con Enzo Biagi a Tv7 che era una trasmissione di inchieste e reportages coraggiosa e innovativa. Poi il Tg1 dove resta per anni con responsabilità crescenti. E’ il capocronista del primo giornale televisivo italiano quando, insieme ai suoi giornalisti, si assume la responsabilità di inchieste bollenti: da quella sulla organizzazione clandestina Gladio, al disastro di Ustica, alla loggia massonica P2 .

 Morrione era uno che non mollava e sapeva dare appoggio forte ai suoi giornalisti. Per quelle inchieste perde il posto di capocronista. Dopo un periodo di quarantena rientra al Tg3 come opinionista e firma servizi speciali sulla mafia e reportage dalla Francia e dalla Spagna. Per un anno, dal 1994, è vicedirettore del Tg2 dove favorisce novità editoriali e spirito di iniziativa. Viene poi nominato direttore di Televideo e poi di Rai International. Nel ’99 riesce ad avviare, nonostante le perplessità aziendali, il primo canale televisivo h24 in italiano: Rainews con le grandi dirette che duravano giorni e notti intere come l’attacco di Al Qaida contro l’America, il disastroso G8 di Genova, la guerra in Iraq. SKY sarebbe nata nel 2003 ed era incredibile la presa di quel piccolo canale che cercava di correre più veloce di tutti gli altri. E, anche a Rainews, all’epoca molto povera, è riuscito ad allevare un gruppo di giovani giornalisti capaci di raccontare storie scomodissime: una per tutte l’inchiesta su Falluja.

4

Roberto Morrione con Roberto Natale

Il lavoro era centrale nella vita di Morrione perché era impegno nel raccontare ciò che si deve sapere per maturare una coscienza civile forte. Morrione pur essendo un professionista che non si appoggiava mai sullo spirito di fazione non ha mai lasciato l’impegno politico e sindacale. E’ stato fra i fondatori del gruppo di Fiesole, il primo movimento di giornalisti trasversale rispetto alla appartenenza partitica. E, con lo stesso spirito ha partecipato alla nascita di Articolo 21 ed ha collaborato ed è stato vicino a don Ciotti e alla nascita di Libera per diventare, dopo l’uscita dalla Rai , l’anima di Libera Informazione, fino all’ultimo passo della sua avventura umana. Un signore troppo serio, sembra, e invece no, chi scrive si permette una notazione personale. Era un uomo simpatico e generoso con le debolezze altrui che discuteva con onestà disponibile a cambiare idea davanti ad argomenti solidi e poi aveva una passione rara, quella di scoprire e dare valore al talento altrui.

Marcella Sansoni

Presidente della Giuria del Premio Roberto Morrione dal 2012 al 2015


Ricordando Roberto Morrione di Piero Badaloni ( gennaio 2012)


Il discorso di Roberto Morrione di saluto ai telespettatori di Rai News 24, l’ultimo giorno prima di entrare in pensione, prima di andare in pensione. Era il 2005. Le parole di Roberto Morrione sono una lezione indelebile di giornalismo.


Il ricordo della redazione di Rainews24


Consulta la pagina di Wikipedia dedicata a Roberto Morrione


La foto di apertura di questa pagina è stata scattata da  Roberto Brancolini in occasione del convegno “Per una informazione e comunicazione di pace” organizzato dalla Tavola della pace nel 2005 a Palazzo Cesaroni a Perugia.