Giuseppe Pipitone

    pipitonefinalista della  seconda edizione del Premio Roberto Morrione 2013 con l’inchiesta “Che fine ha fatto la roba dei boss? ”


    Giuseppe Pipitone è nato ad Alcamo, in provincia di Trapani, nel 1987.

    Ha vissuto per oltre dieci anni a Palermo, dove si è laureato, e per qualche tempo persino a Milano. Si considera un siciliano di mare aperto che si appassiona ad inspiegabili scogli.

    Ha iniziato a fare il giornalista al liceo per alcuni giornali locali, poi è stato per un anno redattore de I Quaderni de L’Ora, mensile d’inchiesta palermitano erede dello storico quotidiano antimafia del pomeriggio.

    Dal 2010 ha iniziato a lavorare per Il Fatto Quotidiano, occupandosi di cronaca giudiziaria, politica, inchiesta e varia umanità. Nel frattempo ha collaborato a diversi saggi d’inchiesta, editi da Chiarelettere e Piemme.

    Nel 2012 ha scritto il suo primo libro, Il Caso De Mauro, pubblicato da Editori Riuniti.

    Nello stesso anno collabora con la Rai, realizzando Maxi +25, reportage sul Maxi Processo 25 anni dopo.

    Con “Trattativa? Nenti sacciu!” ha vinto la prima edizione di Generazione Reporter, il premio per giornalisti emergenti ideato da Michele Santoro, mentre nel 2013 é stato finalista del premio Roberto Morrione, all’epoca sezione del premio Ilaria Alpi.

    Nel 2014 gli è stata assegnata la Menzione Speciale del Premio Giornalismo d’Inchiesta Gruppo dello Zuccherificio.

    CONDIVIDI
    Articolo precedenteSilvia Bellotti
    Prossimo articoloFilippo Poltronieri