Matteo Garavoglia

     

    finalista ottava edizione del Premio Morrione

    categoria sperimentale

    Nasce a Biella il 13 dicembre 1991. Interessato fin da subito al mondo del giornalismo, decide

    di iscriversi a Storia all’università convinto che sia la disciplina più adatta per svo

    lgere questo mestiere. Dopo tre anni passati a Torino non troppo lontano da casa e con una laurea breve in tasca, l’estate del 2014 rappresenta il crocevia per i suoi interessi. Dopo uno stage di due mesi in un giornale on-line a Roma, decide di rimanere nella capitale per continuare il suo percorso di studi rifiutando un master di giornalismo in Scozia. Il suo percorso di studi lo porterà a lasciare saltuariamente Roma: prima a Aix-en-Provence e poi a Tunisi, dove effettuerà una ricerca sul campo di tre mesi sul processo costituzionale tunisino del 2014. La sua passione per gli esteri lo porterà, insieme a tre colleghi, a effettuare un web-reportage al confine tra Serbia e Ungheria nell’estate del 2015, anno della costruzione della barriera anti-migranti tra i due paesi. Quella per i nuovi formati di racconto, invece, l’ha condotto durante l’anno passato alla Scuola di giornalismo della Fondazione Basso a lavorare su un web-doc dedicato ad Aldo Moro, pubblicato sul Fatto Quotidiano. Nel 2018, insieme ai suoi ex compagni della Scuola, ha fondato il Centro di giornalismo permanente, convinto che il giornalismo collettivo sia una strada necessaria per fare lavori di qualità e ampio respiro.

     

    CONDIVIDI
    Articolo precedenteEleonora Zocca
    Prossimo articoloRuggero Scotti