13 novembre, giornata del terrore. Listiamo a lutto i nostri siti. #nousommestousparisiens

13 novembre, giornata del terrore. Listiamo a lutto i nostri siti. #nousommestousparisiens

Il nostro sito oggi è listato a lutto per quanto accaduto nelle ultime ore a Parigi, aderendo ad una iniziativa lanciata da Articolo 21. Segue la lettera di Stefano Corradino, direttore del sito www.articolo21.it, che vi invitiamo a condividere.

Non è trascorso neanche un anno dall’assalto alla sede del giornale satirico di Charlie Hebdo. “Nous sommes tous parisiens” risuonava il messaggio nel mondo, affranto e sgomento per il più grave attentato terroristico dopo quello del 1961 durante la guerra d’Algeria.
Siamo tutti parigini, ripetiamo dolorosamente oggi per la tragedia ancora più sconvolgente che ha colpito la Francia, l’Europa, il mondo intero.

Mentre scriviamo le cifre della mattanza si aggiornano drammaticamente. Centoventi morti, decine di feriti, un bilancio forse destinato ad aumentare. Otto azioni parallele compiute da cellule del terrore. Esplosioni, assassini a sangue freddo, attacchi suicidi. La gente si barrica in casa. Volano dai piani alti degli edifici le lenzuola per coprire i corpi senza vita sui bordi dei marciapiedi.
Una raffica di violenza che ha deformato i lineamenti di una città, colpendo uno stadio di calcio, un locale per concerti, le strade e le piazze nelle quali tanti cittadini trascorrevano una serata tiepida, tranquilla, spensierata.

Oggi le luci della Tour Eifel si spengono in segno di lutto. Facciamolo anche noi listando a lutto i nostri giornali, siti, blog, le pagine dei social. Il mondo si stringa attorno a Parigi in un grande abbraccio solidale.

La comunità internazionale deve reagire coralmente con determinazione e fermezza. Ma la risposta deve essere politica, non una dichiarazione di guerra. La violenza va disinnescata, non alimentata. Populisti e destre nostrane invocano già l’”occhio per occhio, dente per dente”. Non è questa la strada. Perché è proprio quello che l’Isis si aspetta…