Renzo Arbore, 80 anni di allegria e cultura, e di servizio pubblico

Renzo Arbore, 80 anni di allegria e cultura, e di servizio pubblico

Ci uniamo agli auguri a Renzo Arbore per i suoi 80 anni, pubblicando un articolo di Barbara Scaramucci, Presidente Articolo 21. Abbiamo l’onore di avere Renzo Arbore tra i soci della associazione Amici di Roberto Morrione e vogliamo ricordare che Renzo Arbore è stato il Direttore Artistico di Rai International proprio durante la direzione di Roberto Morrione (dal 1996 al 1999) . Il suo è stto un contributo fondamentale per lanciare il canale nel mondo, scoprendo anche nuovi volti destinati a diventare famosi anche in Italia

di Barbara Scaramucci, Presidente di Articolo 21

Renzo Arbore è tutto quello che da anni si scrive su di lui, ma è anche qualcosa di più: è un grande uomo di cultura. Renzo ha anche oggi, a 80 anni, lo spirito di un ragazzino, ma di un ragazzino che non finisce mai di scoprire, di imparare, di curiosare dappertutto perché ci sono sempre tante altre cose da sapere. E’ stata questa l’impostazione della sua vita, raccontata da lui stesso attraverso una narrazione sempre ironica, volutamente cinica (in apparenza), convintamente disincantata, che gli ha consentito di passare dalla laurea in legge al jazz nelle cantine di Foggia, e via via fino all’incredibile successo in radio, in TV e negli spettacoli dal vivo.

Altra incredibile dote di Arbore è la capacità di capire i talenti, di intuire le potenzialità nelle donne e negli uomini di spettacolo: nei suoi programmi sono passati innumerevoli futuri personaggi di successo, da Isabella Rossellini a Roberto Benigni, da Milly Carlucci a Nino Frassica e si potrebbe continuare a lungo. Un talento multiforme quello di Arbore, che tuttavia lascia un segno indelebile soprattutto in due campi, quello della radio e quello della televisione.

“Bandiera gialla” è il primo strappo a tutte le regole radiofoniche del tempo e Arbore, con Boncompagni, ne è l’artefice, convinto com’è della carica di rottura e di cambiamento che viene dalla musica pop. Nessun programma musicale sarà più come prima in nessuna radio. L’altro passaggio epocale è ovviamente “Alto gradimento”, padre di tutti gli show radiofonici irriverenti, iconoclasti, strafottenti e divertenti da morire. Ha fatto molte altre trasmissioni tutte molto belle Arbore, ma questi sono i capisaldi della storia della radio del secondo novecento.

In TV Renzo ha scelto apparentemente la stessa strada della radio, ma ha gestito il rapporto con il mezzo in modo diverso, perché, appunto, i media non sono tutti uguali. La satira, l’irriverenza dei programmi radiofonici si è lentamente trasformata in satira più comica e apparentemente meno corrosiva, dal duo, quello con Boncompagni, si è passati al gruppo, alla comitiva di amici, al modello “casa Arbore” di “Quelli della notte”, fino al paradosso del piano bar dove però, come canta lui, “Meno siamo meglio stiamo”.

Titoli che hanno aperto la strada a quella che oggi nelle enciclopedie va sotto il nome di “altra televisione”, perché nasce nella seconda rete della Rai dopo anni di monopolio e arriva fino alla TV ipertematica e parcellizzata di oggi.

Ma c’è un’altra caratteristica quasi unica della Tv di Arbore di Arbore, di cui sono stata testimone diretta, ed è la intramontabilità dei suoi programmi, che la rendono una televisione evergreen e riproponibile ogni volta, a distanza di anni, anche tagliandola a pezzi, anche a brani, ed è sempre fresca, attuale, interessante, divertente, intelligente.

Renzo con i suoi programmi ha fatto un archivio perennemente utilizzabile. E questo è un tesoro che solo la Rai possiede, anche perché Renzo Arbore è fra i pochissimi che non ha mai lasciato il servizio pubblico, nel quale crede profondamente e di cui si sente a ben diritto un grande testimonial.

Felici 80 anni Renzo e ancora una volta, ad maiora!

 

fonte: ARTICOLO 21